Workshop nazionale per Donatori di Voce

Senti Chi Parla propone ad associazioni, biblioteche e gruppi spontanei di persone su tutto il territorio nazionale un workshop in presenza finalizzato all’apprendimento delle tecniche di lettura e di registrazione di audiolibri per soggetti non in grado di leggere autonomamente. 

Le sempre più diffuse offerte di audiolibri realizzati da professionisti, a cui aderiscono anche i non vedenti, impongono in molti casi un miglioramento della qualità artistica e tecnica delle letture dei Donatori di Voce. Conoscere ed applicare nuove tecniche è importante per garantire un livello qualitativo soddisfacente e apprezzato dagli ascoltatori. 

Il workshop è destinato a persone maggiorenni di qualsiasi età interessate a svolgere autonomamente e a titolo di volontariato l’attività di Donatore di Voce a favore delle principali associazioni ed enti no-profit italiani che si occupano del prestito gratuito.

Il workshop è composto da una o due giornate consecutive. Si tratta di un percorso eminentemente pratico con l’utilizzo di attrezzature multimediali, indicazioni tecniche e consigli sui software di registrazione, la lettura espressiva e cenni sulla corretta dizione, letture di brani letterari di genere diverso. Le lezioni sono frontali e tenute da due formatori di Senti Chi Parla con esperienza ventennale nell’ambito degli audiolibri per non vedenti.

Se fai parte di un’associazione, lavori o collabori con una biblioteca oppure intendi creare un gruppo di Donatori di Voce scrivi a:

formazione@sentichiparla.org

– Breve storia dell’audiolibro per non vedenti. 

– Enti e associazioni no-profit italiane che si occupano del prestito gratuito di audiolibri ai non vedenti. 

– L’ascoltatore non vedente, ipovedente, dislessico: bambini, ragazzi, adulti, anziani.

– La struttura degli audiolibri per non vedenti. 

– Il Donatore di Voce.

– Strumenti di registrazione e semplici tecniche di elaborazione audio.

– Software gratuiti: descrizione, configurazione, utilizzo e consigli.

– Cuffie multimediali, microfoni e postazioni di registrazione.

– La lettura davanti al microfono.

– La registrazione (cancellazione degli errori, miglioramento del suono, salvataggio dei file).

– Adattamento e organizzazione di contenuti particolari come testi di studio, riviste, manuali, descrizioni di grafici e immagini.

– Dimostrazioni e prove con i partecipanti.

– Analisi dell’opera (soggetto, ambientazione, personaggi, ecc.).

– Interpretazione di un testo, la lettura personale profonda, il “colore”, le sfumature di senso e la parola chiave.

– Respirazione e articolazione, esercizi.

– Il tono, il volume, il ritmo, la pausa.

– Cenni di ortoepia.